Post Originale Studio Vassura

La Piorrea, nemico silenzioso | Dentista Lodi Zelo

La salute della nostra bocca è fondamentale non solo per il nostro benessere generale, ma anche per la nostra qualità di vita. Tra i disturbi che possono comprometterla, la piorrea, nota anche come malattia parodontale, gioca un ruolo non trascurabile. In questo articolo, affrontiamo questo tema delicato con un linguaggio semplice e comprensibile, come farebbe un medico con i propri pazienti. Il nostro obiettivo è informare, rassicurare e indirizzare verso la cura più adeguata.

Cos’è la Piorrea?

La piorrea, o malattia parodontale, è un’infiammazione che colpisce il parodonto, l’insieme dei tessuti che supportano i denti. Questa condizione non va presa alla leggera: se trascurata perchè, sul lungo periodo, può portare alla perdita dei denti a causa della distruzione del legamento parodontale e dell’osso alveolare.

La malattia si sviluppa in modo subdolo, con sintomi che all’inizio possono essere facilmente ignorati. Proprio per questo, è fondamentale la prevenzione e una diagnosi precoce.

Quante persone soffrono di Piorrea in Italia?

La piorrea, o malattia parodontale, rappresenta una delle principali cause di perdita dei denti negli adulti in Italia e nel mondo. In Italia, la prevalenza di questa patologia è significativa, influenzando la qualità di vita di una vasta porzione della popolazione adulta.

Studi epidemiologici condotti negli ultimi anni hanno evidenziato che una percentuale rilevante degli italiani soffre di qualche forma di malattia parodontale, da quella lieve a quella più severa. Le ricerche indicano che più del 50% della popolazione adulta italiana presenta segni di gengivite (infiammazione gengivale), che può evolvere in piorrea se non trattata adeguatamente.

La parodontite severa, che comporta una perdita significativa di tessuto di supporto dentale, colpisce una quota minore ma comunque importante della popolazione, con stime che variano dal 10% al 20% degli adulti. Questi numeri sottolineano l’importanza di una diagnosi precoce e di un trattamento efficace per prevenire la progressione della malattia.

Interessante notare è l’associazione tra la malattia parodontale e altri fattori di rischio sistemici, come il diabete, il fumo e l’obesità, che sono presenti in una parte significativa della popolazione italiana. Questo legame sottolinea l’importanza di un approccio olistico alla salute, che consideri il benessere orale come parte integrante della salute generale.

Nonostante la diffusione della malattia, la consapevolezza sulla piorrea e sull’importanza della salute parodontale è ancora insufficiente tra la popolazione generale. Ciò sottolinea la necessità di campagne informative e preventive più incisive, volte a promuovere buone pratiche di igiene orale e controlli periodici dal dentista.

Quali Sono le Cause della Piorrea?

La causa principale della piorrea è l’accumulo di placca e tartaro sulle superfici dentarie.

Questi depositi sono un terreno fertile per i batteri patogeni che, se non rimossi, possono infiammare gengive e tessuti circostanti.

Il fumo di sigaretta, una cattiva igiene orale, e predisposizioni genetiche sono altri fattori che possono contribuire allo sviluppo della malattia. Inoltre, alcune condizioni sistemiche, come il diabete non controllato, possono aggravare la situazione, rendendo l’individuo più suscettibile alle infezioni parodontali.

Le Fasi di Evoluzione della Piorrea

La piorrea non si manifesta all’improvviso, ma evolve attraverso diverse fasi, ciascuna con specifici segni e sintomi. Comprendere queste fasi è fondamentale per la diagnosi precoce e l’intervento tempestivo.

  • Fase 1: Gengivite – È lo stadio iniziale dell’infiammazione parodontale, caratterizzato da gengive rosse, gonfie e che sanguinano facilmente. In questa fase, i danni sono ancora reversibili con una buona igiene orale e cure professionali.
  • Fase 2: Parodontite Iniziale – Se non trattata, la gengivite può evolvere in parodontite. In questa fase, l’infiammazione inizia a danneggiare il legamento parodontale e l’osso alveolare, causando la formazione di tasche parodontali dove si accumulano batteri e detriti.
  • Fase 3: Parodontite Moderata – Con la progressione della malattia, la distruzione del tessuto e dell’osso si intensifica, portando a una maggiore mobilità dei denti e a una notevole perdita di tessuto osseo. I sintomi diventano più evidenti, con aumento del sanguinamento, dolore e possibile alitosi.
  • Fase 4: Parodontite Avanzata – Questo è lo stadio più grave della malattia parodontale, con significativa perdita di osso e tessuto. I denti possono diventare estremamente mobili o cadere, compromettendo seriamente la funzione masticatoria e l’estetica del sorriso.

La progressione da una fase all’altra non è inevitabile.

Con interventi tempestivi e adeguati, è possibile arrestare o addirittura invertire il corso della malattia, soprattutto nelle fasi iniziali. Questo sottolinea l’importanza di visite regolari dal dentista e di una scrupolosa igiene orale quotidiana.

I Sintomi Tipici della Piorrea

La piorrea inizia spesso senza sintomi evidenti, rendendo difficile la diagnosi precoce. Tuttavia, alcuni segnali possono aiutare a identificarla nelle sue fasi iniziali:

  • Sanguinamento Gengivale: Uno dei primi segni è il sanguinamento delle gengive durante il lavaggio dei denti o spontaneamente, un chiaro indizio di infiammazione.
  • Arrossamento e Gonfiore: Le gengive appaiono più rosse del normale e possono essere gonfie al tatto.
  • Alitosi: Un alito cattivo persistente può essere un segnale di piorrea, a causa dei batteri presenti nel cavo orale.
  • Retrazione Gengivale: Le gengive possono ritirarsi, esponendo la radice del dente e creando sensibilità dentinale.
  • Mobilità dei Denti: In stadi avanzati, i denti possono diventare mobili a causa della perdita di sostegno osseo.

Quali Persone Sono Più a Rischio?

La piorrea può colpire chiunque, ma alcune persone sono più a rischio:

  • Fumatori: Il fumo è uno dei principali fattori di rischio per la piorrea, poiché compromette la capacità del corpo di combattere le infezioni.
  • Diabetici: Persone con diabete, specialmente se non controllato, hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie parodontali.
  • Predisposizione Genetica: La genetica gioca un ruolo significativo; chi ha familiari con storia di piorrea è più incline a svilupparla.
  • Sistema Immunitario Compromesso: Chi soffre di malattie che indeboliscono il sistema immunitario è più suscettibile alle infezioni parodontali.

La Piorrea è una malattia ereditaria?

La questione dell’ereditarietà della piorrea, o malattia parodontale, è un argomento di notevole interesse nella ricerca odontoiatrica. Studi scientifici hanno dimostrato che la predisposizione alla piorrea può avere una componente genetica significativa. Questo significa che individui con una storia familiare di malattia parodontale possono essere più a rischio di svilupparla rispetto alla popolazione generale.

Tuttavia, è importante sottolineare che l’ereditarietà non è l’unico fattore di rischio e che stili di vita, fattori ambientali e pratiche di igiene orale giocano un ruolo cruciale nello sviluppo e nella progressione della malattia.

La ricerca ha identificato alcuni geni che possono influenzare la suscettibilità di un individuo alla piorrea. Questi geni possono influenzare la risposta immunitaria dell’organismo agli attacchi batterici, determinando una maggiore o minore predisposizione alla malattia. Ad esempio, variazioni nel gene che codifica per il recettore dell’interleuchina-1 (IL-1), una citochina coinvolta nelle risposte infiammatorie, sono state associate a un aumento del rischio di sviluppare malattie parodontali.

Nonostante la presenza di una componente genetica, l’impatto dei fattori ambientali e comportamentali non può essere sottovalutato. Fumo, cattiva igiene orale, diabete, dieta, stress e altri fattori di rischio ambientali possono aggravare la suscettibilità genetica, accelerando la progressione della malattia parodontale. Questo sottolinea l’importanza di adottare un approccio proattivo alla salute orale, indipendentemente dalla predisposizione genetica.

Come Viene Diagnosticata la Piorrea?

La diagnosi tempestiva della piorrea è cruciale per prevenire la progressione della malattia e salvaguardare la salute orale. Il processo diagnostico si avvale di diverse tecniche e strumenti:

  • Esame Visivo: Il dentista o il parodontologo effettua un esame visivo approfondito delle gengive, alla ricerca di segni di infiammazione, arrossamento, ritrazione gengivale e sanguinamento.
  • Sondaggio Parodontale: Utilizzando uno strumento speciale chiamato sonda parodontale, il professionista misura la profondità delle tasche gengivali. Questo è un indicatore chiave della salute parodontale; una tasca di profondità superiore a 3-4 millimetri può segnalare la presenza di malattia parodontale.
  • Radiografie: Le radiografie sono essenziali per valutare la perdita di osso intorno ai denti. Possono rivelare l’estensione del danno osseo e aiutare a pianificare il trattamento più adeguato.
  • Valutazione del Grado di Mobilità Dentale: Verificare la mobilità dei denti può dare indicazioni sulla progressione della malattia e sulla perdita di supporto osseo.
  • Analisi del Rischio: La valutazione dei fattori di rischio personali, come il fumo, il diabete e la storia familiare di malattia parodontale, aiuta a completare il quadro diagnostico.

Attraverso questi strumenti, noi possiamo stabilire la presenza e lo stadio della piorrea, oltre a identificare le strategie di trattamento più efficaci. La diagnosi precoce è la chiave per un trattamento di successo, sottolineando ancora una volta l’importanza delle visite regolari dal dentista.

Come Si Cura la Piorrea?

Il trattamento della piorrea si adatta allo stadio di avanzamento della malattia e mira a controllare l’infiammazione, ridurre la profondità delle tasche parodontali, arrestare la progressione della perdita di osso e promuovere la rigenerazione dei tessuti dove possibile.

Ecco le principali strategie terapeutiche:

  • Igiene Orale Professionale: La rimozione di placca e tartaro attraverso detartrasi e levigatura radicolare è il primo passo per trattare la piorrea. Queste procedure aiutano a ridurre l’infiammazione gengivale e a fermare l’approfondimento delle tasche parodontali.
  • Terapia Farmacologica: In alcuni casi, possono essere prescritti antibiotici locali o sistemici per ridurre l’infezione batterica. Altri farmaci, come quelli antinfiammatori, possono aiutare a controllare l’infiammazione.
  • Interventi Chirurgici: Nei casi più avanzati, possono essere necessari interventi chirurgici per rimuovere il tessuto infetto, ridurre la profondità delle tasche parodontali, o per interventi di rigenerazione ossea e tessutale.
  • Mantenimento: Dopo il trattamento iniziale, è cruciale adottare un programma di mantenimento, che include visite periodiche dal dentista o parodontologo per controlli e pulizie professionali, al fine di prevenire la ricomparsa della malattia.
  • Educazione alla Salute Orale: Imparare e applicare tecniche corrette di igiene orale è essenziale. Il professionista può fornire indicazioni su come spazzolare efficacemente i denti, utilizzare il filo interdentale e altri strumenti per la pulizia domiciliare.

Il successo del trattamento dipende fortemente dalla collaborazione tra il paziente e il team odontoiatrico, nonché dall’impegno del paziente nel seguire le indicazioni per l’igiene orale a casa. L’obiettivo è non solo trattare la malattia ma anche instaurare abitudini che promuovano una salute orale ottimale a lungo termine.

A Chi Devi Affidarti per le Cure?

Il trattamento della piorrea richiede l’intervento dell’Odontoiatra e dell’Igienista Dentale che valutano la situazione specifica e propongono il trattamento più adeguato.

E’ importante per te sapere che il successo delle cure dipende in gran parte da te, ma anche dalla perfetta armonia tra Dentista e Igienista dentale che si alternano nelle cure della Piorrea.

Nel nostro studio abbiamo suddiviso le attività in modo preciso per step. Quindi se verrai da noi per un problema di piorrea, a grandi linee affronterai un percorso di questo tipo:

  1. Effettuerai una prima visita con me, nel corso della quale eseguiremo anche gli esami strumentali necessari (ad esempio radiografie). Lo scopo della visita è quello di porre diagnosi di Piorrea oppure escluderla.
  2. Sarai quindi affidato ad una Igienista Dentale per eseguire una seduta di Igiene Orale (se necessario) e, a seguire, alcune procedure diagnostiche, come ad esempio il sondaggio delle tasche.
  3. Effettuerai una seconda visita con me per valutare i risultati del sondaggio e dell’Igiene orale, integrandoli anche con i dati radiologici. Alla fine della visita, se necessario, sarai avviato alla cosiddetta “Terapia Causale“.
  4. La Terapia Causale viene eseguita nuovamente dall’Igienista dentale ed è una sorta di Ablazione del Tartaro eseguita nella profondità dei denti. Per questo le sedute vengono anche dette Levigature radicolari e si eseguono in anestesia locale.
  5. Al termine di queste sedute attenderai circa un mese per effettuare un nuovo sondaggio e, se serve, nuove radiografie. Lo scopo è quello di verificare eventuali miglioramenti o peggioramenti dello stato di salute delle gengive.
  6. Chiude questo ciclo di cure una ulteriore valutazione fatta congiuntamente da Dentista e Igienista dentale allo scopo di decidere se terminare le cure e proseguire solo con sedute di mantenimento oppure intraprendere cure più aggressive di chirurgia parodontale.

La Piorrea è una malattia contagiosa?

Non bisogna confondere il concetto di malattia infettiva con quello di malattia contagiosa.

La piorrea, o malattia parodontale, è causata da batteri che si accumulano nella placca e nel tartaro lungo e sotto il margine gengivale, provocando infiammazione e, se non trattata, portando alla distruzione dei tessuti di sostegno dei denti. La questione se la piorrea sia anche contagiosa ha suscitato interesse nella comunità scientifica e tra il pubblico.

Alcuni studi suggeriscono che questi batteri possano essere trasmessi da una persona all’altra attraverso la saliva. Questo significa che le pratiche che implicano lo scambio di saliva, come baciarsi o condividere utensili per mangiare, potrebbero teoricamente favorire la trasmissione dei batteri responsabili della piorrea.

Anche se teoricamente i batteri responsabili della piorrea possono essere trasmessi tra le persone, la suscettibilità alla malattia è influenzata da una complessa interazione di fattori. La trasmissione dei batteri non garantisce lo sviluppo della malattia, che dipende dai numerosi fattori di rischio individuali e ambientali.

Prevenzione: Il Tuo Miglior Alleato

La prevenzione è sempre la migliore strategia.

Una buona igiene orale, con spazzolamento dei denti dopo ogni pasto e l’uso del filo interdentale, unita a visite regolari dal dentista, può fare la differenza nella prevenzione della piorrea. Ricordati che mantenere sana la tua bocca è il primo passo per garantire il benessere dell’intero organismo.

La piorrea è una condizione seria che richiede attenzione e impegno sia nella prevenzione che nel trattamento. Con le giuste informazioni e un approccio proattivo, è possibile gestirla efficacemente. La salute orale è fondamentale per il benessere generale; prendersene cura significa prendersi cura di sé stessi.

Se vuoi sapere di più sulla Piorrea o Malattia parodontale di consigliamo di rivolgerti al tuo dentista di fiducia. Se ancora non ne hai uno puoi richiedere una prima visita presso il nostro studio chiamando il numero 0290669273 oppure prenotando on line.

Piorrea o Malattia parodontale | Dentista Lodi Zelo | Studio Vassura
Direttore sanitario Dott. Gabriele Vassura | Albo Odontoiatri di Lodi n. 63

Prenota un consulto nel nostro Studio

Ultimi articoli

Videoconsulto odontoiatrico | Dentista Lodi Zelo

Il Videoconsulto, in alcune situazioni, può rappresentare l'alternativa economica e veloce ad una prima visita. Puoi ottenerla comodamente da casa tua con il computer o con un semplice smartphone. E' sufficiente possedere una buona connessione ad internet. Gli odontoiatri dello studio, ciascuno per la propria specialità di riferimento, saranno in grado di darti suggerimenti e pareri preliminari per ogni tipo di situazione clinica.

Dentista per disabili: un luogo, le persone, le cure

Uno studio dentistico per disabili è un insieme complesso di competenze professionali, risorse strumentali e ambienti dedicati. In un contesto dove la sanità pubblica è molto carente di cure odontoiatriche il dentista per disabili è un lusso per pochi professionisti e per pochi pazienti. Questo articolo ha lo scopo di dare qualche informazione e qualche aiuto ai disabili stessi ed a chi si prende cura di loro, affinché non siano sopraffatti dal senso di sconforto e di isolamento che spesso li colpisce.

Air Polishing e Igiene Orale | Dentista Lodi Zelo

L'igiene orale si arricchisce oggi di un nuovo strumento e di una nuova tecnica finalizzata alla rimozione del tartaro e degli inestetismi derivanti da macchie e pigmentazioni dei denti. Si tratta dell'Air Polishing, che grazie a strumentazione semplice e sicura e attraverso un getto controllato di acqua, aria e polvere, agisce sulla superficie dei denti come una sorta di sabbiatura. La procedura è indolore e rapida, e deve integrarsi con tutte le altre procedure abitualmente messe in atto dall'Igienista Dentale: ablazione del tartaro con ultrasuoni, courettage, polishing, utilizzo dello scovolino e del filo interdentale.

Parità di genere: Il Nostro Impegno per un Futuro Equo

Nel 2024 ci siamo proposti di portare a termine il percorso di certificazione di qualità sulla Parità di Genere e la tutela delle diversità. In questo articolo esponiamo i principali scopi di questo percorso, le motivazioni che ci hanno spinto a farlo ed i risultati che ci attendiamo di conseguire nei prossimi anni. Si tratta soprattutto della nostra visione del mondo e delle persone.

Anticoagulanti e cura dei denti | Dentista Lodi Zelo

I farmaci anticoagulanti più moderni sono estremamente sicuri e più maneggevoli che in passato. Tuttavia, in caso di prestazioni odontoiatriche, impongono qualche cautela e l'adozione di particolari procedure da parte del dentista. Se sei un paziente che assume anticoagulanti devi sapere che non ci sono particolari limitazioni alle cure che puoi eseguire dal dentista, ma è molto importante che lo informi in anticipo.

Bocca Secca o Xerostomia | Dentista Lodi Zelo

La bocca secca, conosciuta anche come xerostomia o secchezza delle fauci, è una condizione caratterizzata dalla riduzione della produzione...

Must read

Scovolino interdentale: questo sconosciuto

Lo scovolino interdentale è un semplice strumento manuale che...

Dentista Lodi a Zelo Buon Persico

Dentista Lodi a Zelo Buon Persico (10 km da...

Leggi anche...CONSIGLIATO
Articoli dei Dottori

PRENOTA ONLINE
APRI WHATSAPP
Hai bisogno di aiuto?
Ciao,
io sono Michela, mi occupo della segreteria di Dental Care.

Come posso aiutarti?

Clicca "Apri whatsapp" e parliamone sull'app!